Imagine in versione disco


Oggi era la giornata PERFETTA per suonare: un pomeriggio di sole con una brezza leggera (un sollievo per il mio umore e per le mie ascelle), una postazione splendida lungo il corso (era da tempo che non riuscivo più ad accaparrarmela!), e un pubblico numeroso fatto di passanti e di amici che sono venuti a farmi un saluto!

Quando sono in FORMA lo capisco già dalle prime note, e oggi era una di quei giorni in cui tutto sembra funzionare: una bella voce "BLUES" come piace a me, le GAMBE che vanno in automatico senza perdere una battuta, le LABBRA che scorrono sull'armonica come la nutella sul pane a colazione, e il KAZOO che sembra un sassofono! Con questa carica inizio il mio spettacolo riuscendo in breve tempo a cogliere l'attenzione della gente, che pian piano si distribuisce intorno a me, in piedi o seduta sulle panche. Il momento di "piena" comincia a manifestarsi dopo alcuni pezzi di Elvis e di Dylan, e quando passo dalle canzoni di 50 anni fa a un pezzo un pò più recente, "Ho Hey!" dei Lumineers, si crea finalmente un muro di fronte a me!

La prima ora di concerto scivola via così veloce che neanche me ne accorgo. E' arrivato però il momento di farmi una pausa, così mi siedo anch'io sulle panche insieme a Giò e a Diego per farmi baciare dal sole. Ho da poco iniziato la seconda parte dello show, quando si avvicinano due componenti degli SMF, una combricola di BREAKDANCERS formata da 4 ragazzi a petto nudo, pieni di muscoli e di tatuaggi, che avevo già avuto la fortuna (?) di incontrare in passato. Stavolta li trovo tutti gentili, si presentano, mi stringono la mano, mi fanno i complimenti, poi uno di loro mi dice: BREAKDANCER: "Bella fratello, come va? Minkia cioè sei forte, ci stai dentro un cifrollo, però mi sa che hai sbagliato postazione, perchè qui ci siamo noi!" EDWIN: "Su questo non ci giurerei, in questo periodo avete fatto un pò i furbetti eh?" BREAKDANCER: "Si minkia fratello non puoi capire, ci siamo presi già due 2 multe, ma adesso vogliamo fare le cose per bene" e mi mostra il suo permesso EDWIN: (tiro fuori il mio... di permesso) "Come potete vedere il mio permesso è per stare qui, voi invece dovete stare proprio sotto la galleria De Cristoforis, ma la vostra postazione è per chi utilizza piccolissimi riproduttori acustici, cioè praticamente non potete fare casino" BREAKDANCER: "Figa e adesso come facciamo?" EDWIN: "Basta che tenete il vostro stereo basso!" BREAKDANCE: "Bella zio, ti stimo!"

E vanno nella loro postazione a pochi metri da me... ovviamente, come volevasi dimostrare, fanno partire il loro stereo a PALLA, e si viene così a creare un momento di DELIRIO ACUSTICO: chi si trova dalla mia "parte" sente le note di "Imagine" o di "Jailhouse Rock", chi sta dalla "parte" loro sente musica zarra da discoteca, mentre chi sta in mezzo (me compreso), sente IMAGINE IN VERSIONE DA DISCOTECA! E' una lotta a chi resiste di più, finchè non mi accorgo che i ballerini hanno spento tutto: VITTORIA! Vado da loro per capire se posso infierire sui loro "cadaveri", e mi dicono: BREAKDANCER: "Oh brother, è impossibile per noi riuscire a fare le coreografie, andiamo fuori tempo! Dai aspettiamo che tu finisci, tanto abbiamo un'altra ora" Li saluto col sorriso sotto i baffi e mi rimetto in sella al cajon per un'altra oretta, concludendo alla grande il concerto con "Il Cielo D'Irlanda"!

Quanti amici ho da ringraziare oggi! In ordine di apparizione:

- Claudio Avella, il mio amicone Claudione, che era diretto al CEPU ("Lui insegna al CEPU!" ho gridato al microfono!), ma che è rimasto per qualche canzone con i suoi pantaloncini e il cappello da contandino!

- Attilia Pezzica, ex-collega a Vodafone, una giovane mamma lavoratrice (il termine tecnico è MILF), fra le persone di cui ho un ricordo più bello della mia esperienza in azienda! Ah questo è il suo blog! http://blogprimaesperienza.blogspot.it/

- Diego Bardone, il mio amico fotografo, e Messina Giovanni, il mio amico clown/mago: sempre un piacere incontrarvi on the road!

- Riccardo Oldani, un ragazzo che mi segue da tempo e che oggi, oltre a delle belle foto, mi ha regalato queste parole: "Ciao, ti seguo sempre su facebook quando scrivi i tuoi post, sei veramente un grande!" Grazie a te Riccardo, un sorriso, una stretta di mano e un complimento valgono tantissimo, mi riempiono l'anima, oltre che l'ego! ;-)

- Pera Vetere, anche lei ex Vodafone, che è passata come un missile!

- ELSA, una ragazza con gli occhiali, il cappello e la borsa azzurra, che oggi mi ha seguito per quasi tutto lo spettacolo, ha voluto il mio cd: vedere la gente che canta con te è uno spasso!

- Max Torcoli, ex collega di LemArt, che in sella alla sua bici è venuto a congratularsi: verrò sicuramente nella tua enoteca a bere un pò di vino buono! Grazie anche per le foto!

- I vigili che sono passati facendomi il "pollice in alto" con la mano, e i loro colleghi che sono venuti a controllarmi il permesso per la loro gentilezza!

- il VECCHIO che quando sono arrivati i ragazzi della breakdance, si è avvicinato per dirmi: "SONO ARRIVATI I ROMPICOGLIONI!" hauhauah mitico il vecio!

- Chiara, la ragazza del mitico Andrea Gulotta: a presto per una bella grigliata nel vostro giardino ;-)

- Mia MAMMA, Renata Alagna, che è arrivata a due canzoni dalla fine, e che mi ha portato un ottimo GELATO fruttidibosco-pistacchio!

PS: dopo il concerto sono tornato a casa convinto di essere solo: entro in casa e trovo le finestre aperte, penso "oddio sono entrati i ladri!", invece era Leila che mi aveva fatto una sorpresa arrivando prima a casa e che è corsa a riempirmi di baci!

A domani per un doppio appuntamento: dalle 13 alle 16 sempre in C.SO VITT EMANUELE (Galleria De Cristoforis), e la sera dalle 20 a MUGGIO' per il FESTIVAL DEGLI ARTISTI DI STRADA

https://www.facebook.com/search/top/?q=06%2F06%2F2013&epa=SEARCH_BOX

#imagine #2013 #fnrt2013 #milano #corsovittorioemanuele #lombardia

0 visualizzazioni

Edwin One Man Band Official Website © 2019 by Tigrito Folk Records. Created with Wix.com